Il team di lettura

Samuele Massini

(la esse)

Figlio degli ultimi anni ’90, fiorentino doc, studia lingue orientali a Bologna. Con una passione innata per tutto quello che riguarda la lettura, divora fumetti, classici della letteratura inglese, ma anche fantasy e young adult. Occhio di falco e lingua tagliente, è il critico del gruppo, sempre pronto a lanciare una delle sue sferzanti invettive.

Queste gioie violente hanno fine violenta.

W. Shakespeare

Orlando Insardà

(la o)

Calabrese di origine, si è trasferito in Toscana da adolescente. Figlio d’arte, si laurea a Firenze in Farmacia e prosegue l’attività di famiglia in quel settore. Alle clienti âgée preferisce consigliare un buon libro piuttosto che il solito Xanax. Appassionato di fotografia, orologi e moto, è un cinico senza tempo, che non teme di dire ciò che pensa, pur mantenendo sempre le dovute distanze.

Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.

T. Terzani

Niccolò Cortini

(la enne)

Nasce il 05/12/1991 a Firenze, dove consegue la maturità classica e la laurea in giurisprudenza. In seguito, lavora come assistente di un giudice e come cancelliere presso il Tribunale di Genova. Da inizio 2020 è tornato nella sua città natale per proseguire la sua carriera nella pubblica amministrazione. Appassionato da sempre di lettura, si diletta anche nella scrittura. Ha pubblicato alcuni racconti e un romanzo (Il Messaggero dei Cinque). Burbero del gruppo, si entusiasma facilmente e con altrettanta facilità si abbatte. Il suo baffo a manubrio odia soltanto una cosa più dell’incoerenza: i punti di sospensione in numero diverso da 3…

Per scoprire di più sulle sue fatiche letterarie, clicca qui.

Ciò di cui abbiamo bisogno sono quei libri che ci piombano addosso come la sfortuna, che ci perturbano profondamente come la morte di qualcuno che amiamo più di noi stessi, come un suicidio. Un libro deve essere un’ascia per rompere il mare di ghiaccio che è dentro di noi.

F. Kafka

Lucrezia Lombardi

(la elle)

Metà Toscana e metà Puglia, nasce a Figline Valdarno il 16/09/1989, dove frequenta le scuole. Si sposta a Firenze per l’università, laureandosi in Giurisprudenza. Poco dopo inizia a lavorare presso il Tribunale di Firenze in veste di assistente giudiziario, sua occupazione ancora attuale. Amante dei viaggi, della scrittura e, chiaramente, dei libri, è l’ottimista e l’anima social del gruppo: conosce, almeno sulla carta, pressoché tutti e può trascorrere ore a chiacchierare con perfetti sconosciuti, purchè congiuntivi e condizionali non siano confusi!

Accadono cose che sono come domande. Passa un minuto, oppure anni, e poi la vita risponde.

A. Baricco