I libri di Marzo: Senti chi legge!

3) Il gatto che voleva salvare i libri – Sōsuke Natsukawa

I libri hanno un’anima e una gran bella dose di potere, ricordiamocelo sempre.

“Il gatto che voleva salvare i libri” è una favola moderna. Corta, veloce e potente.

Ci sono parti di questo libro che ti entrano dentro.

Senz’altro per chi ama la lettura e per chi, al contrario, la sottovaluta decisamente. ⁣

⁣Si entra a capofitto nel mondo di Rintaro – quasi come dovessimo già conoscerlo -, giovane ragazzo solitario senza amicizie, che ha perso dapprima i genitori, infine il nonno che gli lascia in eredità la sua Libreria Natsuki. È piccola, polverosa, e piena di libri usati che sono capolavori della letteratura – una perla. ⁣

Rintaro salta giorni di scuola ed è sul punto di chiudere la libreria per trasferirsi con una zia mai vista prima, quando appare un gatto parlante: i libri sono in pericolo, e devono salvarli. ⁣ Con lui comincia un’avventura fiabesca nella quale Rintaro – e noi con lui – viene catapultato dentro: tre labirinti che hanno a che fare con la peggior specie di amanti dei libri, presi all’eccesso e in realtà distruttori di questi ultimi. ⁣

Il ragazzo dovrà poi affrontare un’altra sfida, l’ultima, questa volta per salvare se stesso e vincere così i suoi “demoni”. ⁣

⁣Inutile dire che la morale è d’obbligo per una simile storia, ed è bellissima, ma credo sia aperta a interpretazioni più o meno diverse, che non voglio compromettere in alcun modo! ⁣

⁣Lascio solo una citazione, che è quella che mi è entrata nel cuore, in un mondo dove sempre più persone abbandonano la lettura, perché non hanno tempo o voglia: ⁣

Credo che il potere dei libri sia quello di insegnarci l’empatia verso gli altri. È una forza che infonde coraggio a molti e li sostiene. ⁣

Pagine: 1 2 3 4 5 6

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.