Bookdealer: la risposta delle piccole librerie ad Amazon

Un nuovo pistolero è arrivato in città e si chiama Bookdealer

Da fine agosto, è online Bookdealer, una nuova piattaforma di e-commerce che permette alle librerie indipendenti di vendere i propri libri online, tentando – seppur in piccolo – di frenare la spregiudicata egemonia di Amazon.

Prendendo ispirazione dall’esperienza statunitense di Bookshop, Leonardo Taiuti e Matteo Garavaglia hanno dato vita a un progetto molto importante: quello di un grande store online che desse spazio alle librerie indipendenti. Già durante i mesi del lockdown, molte piccole librerie si erano organizzate autonomamente per la consegne dei propri libri e spesso con buoni risultati. I fondatori hanno, quindi, pensato che fosse il momento giusto per lanciare il guanto di sfida al colosso dell’e-commerce.

Come funziona Bookdealer (per le librerie)

La piattaforma non chiede quote di iscrizione o percentuali sul venduto alle librerie aderenti, ma guadagna sul servizio di consegna a domicilio o di spedizione via corriere. Per ogni ordine consegnato a domicilio, infatti, Bookdealer ottiene 95 centesimi (60 in caso di spedizione con corriere).

Tolto il ricavo di Bookdealer, ciò che i lettori spendono per farsi arrivare i libri, copre i costi del servizio.

Le spedizioni partono da 1,90 € (per le spedizioni fatte dai librai).

Le librerie hanno tuttavia la possibilità di agevolare l’utilizzo di Bookdealer, prevedendo un azzeramento dei costi di spedizione o consegna al raggiungimento di una certa soglia di spesa.

Come funziona Bookdealer (per gli utenti)

La piattaforma è estremamente semplice da un punto di vista funzionale e interattivo.

Ci sono due modalità principali con le quali è possibile procedere: la prima è cercare il libro che si desidera acquistare e poi, una volta registratisi sul sito, scegliere la libreria dalla quale farsi spedire il prodotto a casa propria; la seconda, invece, è cercare una libreria (una che conosciamo e che ci sta a cuore, ad esempio) e successivamente consultare il loro catalogo online. bookdealer può essere anche utilizzato come una sorta di “Book-maps”, poiché, grazie alla geolocalizzazione, è possibile scoprire tante belle realtà libresche in ogni città in cui capita di trovarsi.

È anche possibile fare regali attraverso la piattaforma: in tal caso, sarà il libraio a occuparsi del bigliettino di auguri!

In cosa è diverso da un grande online-store

Rispetto ai principali siti di e-commerce come Amazon, acquistare un libro su Bookdealer richiede – questo è vero – un piccolo sforzo in più.

In primo luogo, i costi di spedizione sono mediamente più alti rispetto a quelli dei grandi store online (ma non sempre, poiché diverse librerie effettuano la spedizione gratuita). Non si tratta di grandi cifre ma di una differenza minima. I prezzi dei libri, invece, sono sostanzialmente uguali.

Per il momento, su Bookdealer ci sono solo i cartacei, anche se pare che gli e-book stiano per fare la loro comparsa (meno male, dolci finanze!).

Inoltre, al momento dell’ordine su Bookdealer, non si sa ancora quanto tempo ci vorrà per ricevere il libro: solo dopo l’arrivo dell’ordine ai librai, arriva un messaggio di conferma da parte loro che dice se i libri sono presenti fisicamente nella libreria (e quindi velocemente consegnabili) o meno, unitamente a una stima dei tempi di consegna.

Ogni libreria iscritta sulla piattaforma presenta una propria pagina dove propone consigli di libri e percorsi di lettura. Ciò è cosa ben diversa dalle recensioni dei clienti che si trovano su Amazon, a prescindere da considerazioni che riguardano la loro buona fede di chi effettua le recensioni medesime.

Siamo al vecchio (ma sempre attuale) motto del “fidati di chi ne sa”. Dietro ai consigli dei librai non ci sono soltanto la competenza e l’esperienza, ma anche la voglia conservare il rapporto di fiducia personale che si può intrattenere solo con un libraio persona fisica.

Ad oggi, ben 124 librerie di tutta Italia fanno parte di questa vetrina online! Il valore di un progetto come Bookdealer non deriva solo dal fatto che rappresenta una valida alternativa ai grandi online-store, ma anche dalla circostanza che esso sostiene davvero le librerie indipendenti. Come hanno notato diversi commentatori, è solo attraverso queste forme di aggregazione e di sviluppo tecnologico che le librerie indipendenti possono contrastare il fenomeno Amazon e, allo stesso tempo, mantenere vivo il rapporto con i clienti e promuovere l’importanza della lettura.

NB:

Considerato il valore del progetto, nonché la necessità di aiutare le librerie indipendenti, vera e propria infrastruttura culturale di questo Paese, il Team di Storie a Catinelle ha deciso di sostituire ogni link di acquisto presente sul sito con link di acquisto che rimandino a Bookdealer (ove il libro sia presente, chiaramente).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.